Dove raccogliere le castagne in Lombardia

Tempo di castagne e del mio dolce alla castagna preferito, il mont blanc. Dove prendere le castagne, evitando quelle matte? 🙂 Ecco una serie di luoghi consigliati

La destinazione più gettonata di tutte è sicuramente il Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone, con più di 2000 ettari e numerosi castagneti. Sempre in Brianza è possibile anche andare sopra Oggiono Colle Brianza (fino sù a San Genesio), Barzanò, Casatenovo, Merate, Bevera di Sirtori.

In provincia di Varese, a Sesto Calende, è possibile percorrere l’anello delle castagne Taino-Sesto Calende, un piacevole sentiero tra le colline moreniche in un contesto boschivo di tutto riguardo, avendo anche il lago a pochi passi.

Per chi volesse recarsi nei pressi le Lago di Como segnaliamo i boschi del Monte Legnone, di Camaggiore nel comune di Vendrogno e l’ Ortanella sopra Esino Lario, mentre nel triangolo lariano segnaliamo la zona di Canzo (In salita verso i corni di Canzo), Asso e Valbrona, vicino a Erba oppure salire verso Magreglio nella zona della Madonna del Ghisallo.

Qualcuno segnala anche a Merate, al lago di Sartirana.

Idee per escursioni

“CAMMINATA GOLOSA ALL’EREMO DI S. ALBERTO”
un’ escursione tra natura, storia e leggenda alla scoperta delle specialità gastronomiche di origine monastica

Questa camminata tra la rigogliosa natura dell’ Oltrepò Pavese collinare, ci porterà alla scoperta dell’affascinante ambiente che circonda l’abbazia medievale di S. Alberto di Butrio situata a 500 m. di altezza, in posizione panoramica sopra il rio Begna, un affluente del torrente Nizza. L’opera del monastero è stata fondamentale per il patrimonio gastronomico dell’Oltrepò Pavese conservando e sviluppando produzioni che vanno dai formaggi vaccini e caprini alle conserve di frutta, dal miele alle castagne fino alle erbe selvatiche per uso farmaceutico e culinario.

Quest’ultima percorrerà la mulattiera del Barbarossa e tratti del canyon del Begna restando in prevalenza tra i boschi misti di quercia e carpino e tra bellissimi castagneti secolari. Sarà anche possibile osservare numerose tracce di animali selvatici e capire come le colline dell’ Oltrepò Pavese siano ricche di biodiversità e rifugio di tante specie animali.
All’eremo di S. Alberto si effettuerà la visita guidata degli interni e si pranzerà al coperto con prodotti locali e specialità gastronomiche di origine monastica, il tutto innaffiato da vini locali.

Il sentiero del Viandante

Aggiungo qualche altra foto del percorso del sentiero del viandante, tappa Piona-Dorio fatta domenica con il meetup Trekking Milano. Il percorso è molto panoramico e quindi particolarmente consigliato in giornate di sole e con cielo nitido. Secondo me, buono da fare in tutte le stagioni (in questo periodo buonissimo per raccogliere castagne). Vista la lunga discesa verso Dorio su percorso lastricato di ciottoli, consiglio di valutare di farlo all’inverso (Dorio-Piona), specialmente in presenza di molta umidità e di fondo viscido/gelato. – Giulio Pranzo

Foto di Giulio Pranzo

 

Ti ho convinto?

Prenota il tuo prossimo volo e soggiorno & auto in Lombardia!

#momondo #admomondo #owtravelwrs

Leave a comment

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: